Verticale
Verticale

Transizione energetica e navi alimentate a GNL

Integrazione del GNL nel sistema gas nazionale

- Infrastruttura distribuzione GNL
- Infrastruttura approvvigionamento GNL
- Consumi GNL: Ripartizione settori di utilizzo 2021
- Domanda GNL: Evoluzione costumi, mezzi, rotte navi,
- Scenari di decarbonizzazione
- Sviluppo normativo per il GNL ad uso marittimo
- Misure per lo sviluppo dei carburanti gassosi
- Attuazione PNRR e Fondo complementare
- Credito di imposta GNL per autotrasporto

- Il consumo per i mezzi pesanti alimentati a GNL è aumentato di oltre il 36% rispetto al 2020, assestandosi su volumi pari a circa 120.000 t. L'aumento della domanda è legato all'incremento del parco circolante, che nel 2021 consta di circa 3920 veicoli immatricolati in Italia: l'espansione della flotta circolante è correlata all'incremento delle immatricolazioni registrate nel 2021, pari a 984 nuovi veicoli (con un incremento del 30% delle nuove immatricolazioni rispetto a quelle registrate nell'anno precedente)

- La crescita dei consumi di GNL per trasporto pesante ha trainato anche l'incremento dei consumi di GNL per il trasporto leggero, passati ad oltre 36.596 t nel 2021 (+33%)

- Nel 2021 la richiesta dei depositi satellite di GNL a servizio di utenze offgrid è cresciuta quasi del 50%, dovuto all'inserimento di 10 nuovi impianti nel corso dell'anno, con una richiesta di oltre 18.800 t

- La realizzazione di 47 nuovi depositi satellite a servizio di reti canalizzate in Sardegna ha comportato una crescita della domanda di GNL di oltre il 518% rispetto al 2020, per un totale di oltre 5.000 t

- Relativamente al settore marittimo nel 2021 in Italia si registra un consumi di GNL pari a circa 6.000 t, legati alle attività di bunkeraggio ship to ship svolte dalla Coral Methane per il rifornimento della nave da crociera Costa Smeralda, che mostrano un importante incremento di oltre il 180% rispetto al 2020

Nel 2022 si prevede un leggero aumento dei consumi (+7%) rispetto al 2021: il rallentamento della crescita della domanda è dovuto principalmente alla crisi del settore energetico.

Scenario base:
- esclusione del gas naturale e del GNL dal quadro di politiche relative alla transizione energetica
- realizzazione della rete di trasporto del gas naturale in Sardegna
- uno scenario dei prezzi sfavorevole

Scenario alta penetrazione:
- riconoscimento del gas naturale e del GNL all'interno delle politiche per la transizione energetica, con l'introduzione di nuove politiche per la diffusione del GNL come combustibile per il trasporto stradale pesante e marittimo
- sviluppo più importante della filiera SSLNG per la richiesta di reti isolate a GNL e utenze industriali offgrid in Sardegna
- scenario prezzi favorevole

Il GNL, insieme agli sviluppi nella produzione e nella conseguente messa a disposizione di bio-GNL, non è il carburante per la transizione con un orizzonte temporale limitato, ma è il prodotto dell'oggi e del prossimo futuro, sia nell'ottica della diversificazione delle fonti di approvvigionamento sia in relazione al contributo rilevante che già fornisce e fornirà sempre più per il raggiungimento degli obiettivi di decarbonizzazione soprattutto nel settore del trasporto pesante stradale e marittimo e delle utenze off-grid.

Per sostenere il settore è però necessario rivalutare le misure proposte nell'ambito del pacchetto Fit-for 55 e prevedere specifici interventi di sostegno per l'utilizzo del bioGNL e individuare misure strutturali di riduzione del costo collegato all'uso della tecnologia, quali quelle di seguito individuate.

Articoli tecnico scientifici o articoli contenenti case history
Fonte: Atti Convegno ATI Genova
Aggiungi ai preferiti Aggiungi ai preferiti


Settori: , , , , , ,


Parole chiave: , , , , , , ,
© Eiom - All rights Reserved     P.IVA 00850640186